Restyling Paolo Rosi, Martelli: “Grande traguardo”

14 Maggio 2018

Operativa la convenzione tra Roma Capitale e Fidal per la nascita della Casa Romana dell’Atletica, a breve il via ai lavori sulla pista


 

Un momento importante per l’atletica romana e per tutto il Lazio. È ufficialmente operativa la convenzione tra Roma Capitale e Fidal per la nascita della Casa dell’Atletica Romana allo stadio Paolo Rosi. Non un traguardo, ma un nuovo inizio per il movimento capitolino che avrà presto una sede confortevole in cui riconoscersi e identificarsi. A breve partirà il rifacimento del manto dello storico impianto dell’Acqua Acetosa, un attesissimo passo in avanti dopo tanti anni di lavoro: il primo progetto per il rifacimento della pista è datato novembre 2014. Successivamente si passerà al restyling di tutti i servizi. La svolta è stata possibile grazie alla comunione d’intenti con l’amministrazione capitolina nel diffondere e valorizzare lo sport per tutte le generazioni.

IL COMMENTO - A sottolineare l’importanza di questa fase è il presidente del CR Lazio Fabio Martelli: “Sono molto soddisfatto di aver fatto squadra con tutto il comitato regionale, l'assessorato allo Sport del Comune di Roma e di aver goduto dell'estrema fiducia da parte del presidente Alfio Giomi. Abbiamo portato in meta un traguardo da molti insperato con tante difficoltà burocratiche. Ritengo che questo sia solo un primo passo per raggiungere vette importanti. Daremo quello che di diritto spetta a tutti gli atleti e alle società che operano ogni giorno sul campo: per ora all'aperto ma poi penseremo a come potenziare le strutture indoor. Mi sento di rivolgere anche un grazie particolare al presidente del Coni Giovanni Malagò che personalmente ha voluto donare un’importante somma di denaro per la pista del Rosi”.

LE NOVITA’ - Con la convenzione, si apre un nuovo capitolo per l’impianto romano e per sei anni la Fidal gestirà con proprie risorse e professionalità l’organizzazione, il coordinamento, la promozione e la diffusione delle attività sportive inerenti l’atletica leggera e si occuperà della struttura e di tutte le attività svolte nell’impianto. L’obiettivo è anche promuovere la pratica sportiva per le persone diversamente abili e la terza età, oltre a integrare nel tessuto sociale i giovani stranieri. Inoltre, ogni anno, ai talenti dell’atletica romana saranno messe a disposizione otto borse di studio.



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate