Il Rosi è nel futuro: iniziati i lavori

14 Settembre 2018

Cerimonia per l'apertura del cantiere nello storico impianto della Capitale. Martelli: "Lavoriamo insieme alle istituzioni, investimento di 1 milione negli ultimi quattro anni"


 

Operai in azione per dare una nuova vita allo stadio Paolo Rosi di Roma. È stata posta simbolicamente stamattina la prima pietra dei lavori di restyling allo storico impianto romano che dal 2002 è intitolato all’indimenticabile “voce” dell’atletica. Gli interventi, iniziati in questa settimana, consistono nel rifacimento del manto della pista a sei corsie e delle pedane dei salti e dovrebbero essere ultimati entro un paio di mesi, per inaugurare ufficialmente la nuova “Casa dell’atletica romana”. Alla cerimonia hanno partecipato il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente della Fidal Alfio Giomi con il segretario generale Fabio Pagliara, l'assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi eventi del Comune di Roma Daniele Frongia, il presidente della Commissione Sport di Roma Capitale Angelo Diario, e per il comitato regionale Fidal Lazio il presidente Fabio Martelli. A rappresentare l'azienda che si è aggiudicata i lavori c'era il responsabile della Olimpia Costruzioni Sandro Clarici. Malagò ha espresso la sua soddisfazione per l’avvio dei lavori e ha esplorato la possibilità di ulteriori interventi di sviluppo e riqualificazione dell’intera area. Una pista, quella dello storico stadio delle Aquile, che ha attraversato decenni di atletica ed è stata un punto di riferimento per gli atleti romani e non solo, come testimonia la suggestiva foto in bianco e nero mostrata ai presenti dal campione europeo dei 400hs di Budapest 1966 Roberto Frinolli che su queste corsie si allenava.

MARTELLI: "1 MILIONE IN 4 ANNI" - Il presidente Fidal Lazio Fabio Martelli cita Papa Francesco: "Il Pontefice ha detto... se vuoi andare veloce vai da solo, ma se vuoi andare lontano vai insieme. Insieme alle istituzioni si sta costruendo un percorso che in quattro anni ha dato un investimento sui campi di atletica laziali di oltre 1 milione di euro. Credo che questo sia un passo fondamentale per sottolineare l'eccellenza dell'atletica laziale, e in questo caso romana, sia dal punto di vista degli impianti che da quello sportivo, anche a livello internazionale".

BENATI: "POLO DI ECCELLENZA" - A seguire da vicino il progetto-Rosi, insieme a Martelli e al segretario del CR Lazio Fabrizio Daffini, è stato il consigliere del comitato regionale Mario Benati: "I lavori sono di rifacimento del manto della pista che risale al 2002 e su cui erano soltanto state sanate le emergenze e ora berrà completamente rifatto. La qualità dell'offerta ci sembra ottima, sarà un campo 'seminato' con qualità che speriamo eccezionale. Puntiamo a far sì che questi lavori rendano l'Acqua Acetosa un polo di eccellenza e di raccolta di tanti giovani che vogliono fare atletica a Roma e stanno dimostrando di farla molto bene".

VIDEO - MARTELLI E BENATI: "IL LAZIO È ECCELLENZA"

FRONGIA: “L’INIZIO DI UN PERCORSO” - Il restyling del Paolo Rosi rientra nell’ambito della convenzione firmata da Roma Capitale e Fidal. “È una giornata importante per gli atleti romani e per la città di Roma - dichiara l’assessore Frongia - La pista non veniva riqualificata dal 2002 e Fidal era pronta a intervenire. Con uno sforzo di Roma Capitale ci siamo riusciti insieme. Non è soltanto il rifacimento della pista ma l’inizio di un percorso e a novembre festeggeremo la nascita della Casa dell’atletica romana”.

GIOMI: “IMPIANTO FONDAMENTALE” - Il presidente Fidal Alfio Giomi ha sottolineato l’importanza della giornata: “Roma e l'atletica italiana stanno finalmente per ritrovare un impianto fondamentale per la grande storia che ha alle spalle e per il valore strategico che potrà avere per tutto il nostro movimento. Le tante società del territorio avranno di nuovo a disposizione uno spazio qualificato per le gare e per la loro attività quotidiana. Una struttura che, in sinergia con il Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti", avrà un ruolo importante anche per gli allenamenti degli azzurri, soprattutto in fase di riatletizzazione”.


Il cantiere dello stadio Rosi


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate