Ciao Vincenzo, amico dell’atletica

21 Febbraio 2020

L'addio al regista RAI Vincenzo Belli: punto di riferimento per la nostra disciplina e per tutto lo sport

 

Se n’è andato in silenzio, così come nel suo stile. Vincenzo Belli, regista RAI di innumerevoli trasmissioni d’atletica leggera (l’ultima: la personalizzazione dei Mondiali di Doha), è morto ieri a Roma a soli 61 anni d’età, lasciando nello sconcerto e nel dolore familiari, amici e colleghi. Con il passare degli anni, e con l’uscita di scena di illustri predecessori come Giancarlo Tomassetti e Nazareno Balani, era diventato il punto di riferimento in RAI per lo sport, dirigendo le trasmissioni dei principali eventi prodotti dalla TV di Stato, dai Giochi Olimpici a Mondiali ed Europei di calcio, atletica, nuoto, ciclismo.

Nella nostra disciplina era in particolare il regista del Golden Gala, ma aveva realizzato anche la produzione degli Europei indoor di Torino 2009 e le personalizzazioni RAI di numerose edizioni di Mondiali ed Europei. Una garanzia, la sua firma; un piacere, il suo atteggiamento nell’ambiente di lavoro, sempre cooperativo, sempre aperto al dialogo, al confronto. Vincenzo era riuscito a conquistare consensi anche nel difficile ambiente internazionale ed iperspecialistico della Diamond League, dove oggi la notizia della sua morte ha destato sensazione. La TV italiana perde un professionista preparato e sensibile, l’atletica leggera televisiva un appassionato che aveva accumulato un ricchissimo patrimonio di esperienze e competenze.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate